Dietro di me
terre di uomini
sopra di me
mondi di nuvole.
Infinito e vento ormai
dentro gli occhi affondano
nella vena tesa io
voglio solo esistere.
Nella città
devi nasconderti
finché l'età
pian piano porti via
consumati sogni che
troppo sole chiedono
ma i vent'anni e l'anima
li ho tenuti stretti io.
È il regalo più importante
al figlio che mi dona lei
nuove stelle e spiagge bianche
e orizzonti solo miei.
Che mai dirà
lei quando in casa mia
gente verrà
per farle dire se
sono un pazzo o se l'idea
di quest'avventura mia
io l'avevo in mente già
nei tranquilli giorni là.
Terra non c'è
ombre nel sole mai
l'immensità voci sommerse ha.
L'alba esausta e lucida
non riscalda l'anima
ma il cammino tracciano
ali bianche e rapide.
In quel punto c'è il mio mondo
la mia gente tu ci sei
ora esisto fino in fondo
lo vedrai negli occhi miei.

In questo sito utilizziamo i Cookies per permettervi di usufruire dei servizi e non tracciamo i vostri dati. L'unico caso in cui effettivamente trattiamo vostri dati è se decidete di registrarvi per darci una mano, nel qual caso useremo le informazioni fornite per contattarvi in caso di necessità. Potremmo però distribuire cookie di terze parti (es. Google, youtube o Facebook) per permettervi di cliccare i vari "mi piace" o usufruire di servizi simili. Nel caso in cui non vogliate in nessun modo essere tracciati vi consigliamo di utilizzare la funzione di disabilitazione dei cookies o di anonimizzazione del vostro browser. Per saperne di più di come questo sito usa i cookies: Privacy Policy.

Accetto i Cookies da questo sito