Andate a controllare: purtroppo è vero.

Lo shopping di Berlusconi: Sarin, Tabun, Agente Arancio sono solo alcune delle sostanze chimiche e radioattive ordinate dal governo Berlusconi.
Per farci cosa ? Armi nucleari, biologiche e chimiche, ovvero armi di distruzione di massa. Cercate (e non trovate) in Iraq, ce
le potremmo ritrovare presto in casa nostra. Il governo italiano ha dato ordine di acquistarle. L'elenco completo non si trova in qualche "documento segreto" ma nel supplemento ordinario della Gazzetta ufficiale numero 171 del 25 luglio 2003.

Con decreto 13 giugno 2003 il ministro della Difesa Antonio Martino "...di concerto con il ministro degli Affari Esteri Frattini, dell'Interno Pisanu, dell'Economia e delle Finanze Tremonti e delle Attivita Produttive Marzano..." ha approvato l'acquisto di "...agenti tossici chimici e biologici, gas lacrimogeni, materiali radioattivi e relative apparecchiature, componenti, sostanze e tecnologie.". A pag. 17 l'atto ministeriale specifica che i militari italiani si devono dotare di "...agenti biologici e sostanze radioattive adattati per essere utilizzati in guerra per produrre danni alle popolazioni ed agli animali, per degradare materiali o danneggiare le colture e l'ambiente, ed agenti per la guerra chimica.". In particolare si autorizza l'acquisto di gas nervini, tra questi il micidiale Sarin (quello dell'attentato nella metropolitana di Tokyo del 20 marzo 1995), il Soman, il Tabun, il Vx. E ancora: "...agenti vescicanti per la guerra chimica: ipriti e lewisiti.". E poi continuando: "...agenti inabilitanti e defolianti" tra i quali anche il tristemente famoso Agente Arancio, utilizzato dagli americani in Vietnam e i cui effetti devastanti si riscontrano ancora oggi sulla popolazione di quel paese.Nell'elenco sono comprese anche "...apparecchiature progettate o modificate per la disseminazione delle sostanze chimiche..." oltre a "...tecnologia per lo sviluppo, la produzione, l'utilizzazione degli agenti tossici..."
Quanto al capitolo nucleare, l'autorizzazione non si limita "...al software in grado di simulare un'esplosione...", ma fa riferimento anche all'acquisto di "...sostanze radioattive..." e alla costruzione di "...impianti per l'ottenimento del plutonio 239 e loro apparecchiature e componenti appositamente progettati e preparati.".
Autorizzato anche l'acquisto di vari tipi di gas lacrimogeni in funzione antisommossa.

Sulla vicenda il verde Paolo Cento ha indirizzato l'8 settembre 2003 una interrogazione parlamentare al ministro della difesa, che però non ha ancora ritenuto di dover rispondere. "L'elenco è in contrasto con le convenzioni internazionali - scrive Cento - perché è destinato a supportare azioni militari non solo difensive ma anche offensive".

In questo sito utilizziamo i Cookies per permettervi di usufruire dei servizi e non tracciamo i vostri dati. L'unico caso in cui effettivamente trattiamo vostri dati è se decidete di registrarvi per darci una mano, nel qual caso useremo le informazioni fornite per contattarvi in caso di necessità. Potremmo però distribuire cookie di terze parti (es. Google, youtube o Facebook) per permettervi di cliccare i vari "mi piace" o usufruire di servizi simili. Nel caso in cui non vogliate in nessun modo essere tracciati vi consigliamo di utilizzare la funzione di disabilitazione dei cookies o di anonimizzazione del vostro browser. Per saperne di più di come questo sito usa i cookies: Privacy Policy.

Accetto i Cookies da questo sito